E++

Italiano

20 novembre 2017

Hydro news: E++ ritorna in Centro Italia

A distanza di 5 anni dalla realizzazione di un micro impianto idroelettrico a Terni, E++ ritorna in Centro Italia con un nuovo progetto a Rieti (Ri)

La nuova centrale sarà ubicata sul Fiume Velino in località Giorlandina in Comune di Rieti e si affiancherà all’impianto irriguo esistente utilizzando lo stesso sbarramento fluviale. Le turbine installate saranno n. 2 tipo Kaplan ad asse orizzontale per una potenza elettrica complessiva dell’impianto di 516 kW. L’energia prodotta sarà interamente ceduta alla rete elettrica nazionale. L’incarico prevede la progettazione, fornitura e messa in servizio di tutte le apparecchiature elettromeccaniche tra cui n. 2 gruppi turbina generatore, impianti elettrici di potenza e controllo BT, quadri elettrici in MT ed automazione. La centrale sfrutterà un salto netto nominale di 1,85 m con una portata nominale di 16.000 l/s. 

In questi ultimi mesi, E++ ha acquisito altri due impianti idroelettrici da realizzarsi nella Provincia di Cuneo. 

Per l’impianto denominato “Ceriolo” nel Comune di Sant’Albano Stura (Cn), E++ installerà una Kaplan tubolare ad asse orizzontale. La potenza dell’impianto sarà di 116 kW e l’energia prodotta sarà interamente ceduta alla rete elettrica nazionale. Il team E++ svolgerà l’attività di progettazione, fornitura e messa in servizio di tutte le apparecchiature elettromeccaniche tra cui gruppo turbina-generatore, impianti elettrici di potenza e controllo in BT e MT ed automazione. Il salto netto nominale è 7,65 m con una portata di 1.800 l/s

L’impianto denominato “Barmasse” sarà realizzato nel Comune di Vinadio (Cn). Il progetto prevede la captazione di due sorgenti esistenti, sorgente “Sevela” e la sorgente “Barmasse”. Tali sorgenti, da tempo dismesse, nel passato erano utilizzate per usi irrigui e domestici a servizio della popolazione del luogo. La turbina installata sarà una Pelton e la potenza dell’impianto sarà di 62 kW. Il locale della centrale sarà nelle ultime due “sale cannoni” del Forte Albertino evitando la costruzione di un nuovo fabbricato e permettendo il recupero dei locali presenti. L’incarico prevede la progettazione, fornitura e messa in servizio di tutte le apparecchiature elettromeccaniche tra cui gruppo turbina generatore, impianti  elettrici di potenza, controllo ed automazione. Il salto netto nominale è 189,5 m con una portata di 38 l/s

Grazie alla realizzazione di questi 3 impianti idroelettrici, si produrranno circa 4.500 MWH annui di energia 100% rinnovabile!